Torta al testo umbra con stracchino, crudo e fichi

In questo periodo ho ritrovato il piacere di impastare a mano, senza planetaria. Percepire l’impalpabilità della farina sotto le dita, sporcarsi le mani ma soprattutto sentire i palmi in fiamme dopo 10′ di impasto. Questo classicone umbro rientra alla perfezione nella sfilza delle ricette tranquillamente lavorabili senza alcuna macchina. Si tratta di una sorta di […]

Continua a leggere

Vincisgrassi marchigiani

Nelle mie manie di perfezionismo rientrano a pieno titolo anche le sequenze ordinate e non casuali. Quindi il grosso conflitto che mi porto dietro da mesi, precisamente da settembre 2019, è come mai nel tour gastronomico, che vede coinvolta una regione italiana al mese, io abbia iniziato dalla Liguria, passando poi per il Lazio senza […]

Continua a leggere

Calzoni al forno con prosciutto

In un mondo ideale cucinerei tutti i giorni, scatterei stupende foto e pubblicherei ricette quotidianamente. In un mondo ideale. On air: Bob Dylan – Maggie’s Farm INGREDIENTI (per 4 calzoni medio-grandi) Per l’impasto: 400g farina 0 220g acqua 20g olio extravergine di oliva 10g zucchero semolato 7g sale 4g lievito di birra fresco (1g se […]

Continua a leggere

Frico friulano

La regione scelta per il mese di maggio è il Friuli-Venezia Giulia e giustamente arriva a giugno inoltrato: questo a conferma che i sagittari sono affidabili solo fino ad un certo punto. Il frico è una torta di patate, cipolle e formaggio (tipicamente Montasio), tipico friulano. Saporitissimo, rustico, sa di casa e di buono. Fatene […]

Continua a leggere

Tegole valdostane

In un periodo che porta a riflettere e a riconsiderare il proprio posto nel mondo, prendetevi una pausa per il tè delle 5, accompagnato da questi biscottini. Tipici della Valle D’Aosta (così ci leviamo il pensiero della regione del mese), col gusto corposo di nocciole e mandorle, vi conquisteranno al primo morso, cui seguiranno molti […]

Continua a leggere

Gnudi ricotta e spinaci con burro alle erbe

In Trentino il venerdì è giorno di gnocchi (vendro sgnocolà). Questi però sono tipici della tradizione toscana e vengono fatti con spinaci tagliati a coltello, ricotta e pochissima farina, formati con l’aiuto di due cucchiai e tuffati direttamente nell’acqua. Assomigliano agli strangolapreti trentini (ricetta qui), ma sono ancora più soffici. Fateli, col vostro sugo preferito, […]

Continua a leggere