Questa crostata è un classico austriaco, che per grazia divina ha sconfinato anche in Trentino-Alto Adige.
Una frolla morbida alla nocciole (o mandorle), aromatizzata da cannella e chiodi di garofano, ospita una confettura di ribes rosso o lamponi.
Ho deciso di proporla come torta del mese d’aprile, tradizione che porto avanti da settembre. Ho eletto le fragole come frutto di questa stagione, quindi ne ho fatto una confettura con cui riempire il guscio di frolla Linzer. Il risultato è superlativo, con la nota morbida delle fragole che addolcisce la base rustica.
Un tripudio di sapori, che farà innamorare tutti i vostri ospiti, semmai potrete tornare un giorno ad invitarli a casa!
Accoppiata vincente con: tisana alle erbe di montagna o infuso ai frutti di bosco.

Vi consiglio caldamente di dare un’occhiata alle torte dei mesi precedenti, perché sono una più gustosa dell’altra: prugne di settembre, pere di ottobre, castagne di novembre, agrumi di dicembre, kiwi di gennaio, mele di febbraio, pompelmo di marzo.

On air: Village People - 5 O'Clock In The Morning

INGREDIENTI (per 1 stampo da 20-22cm di diametro)

  • 220g farina 00 debole
  • 200g nocciole (o mandorle), non pelate
  • 200g burro*
  • 180g zucchero semolato
  • 2 uova piccole*
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • semini di 1/2 bacca di vaniglia
  • scorza grattata di 1 limone biologico
  • 5g lievito per dolci
  • 1g sale

Per la confettura di fragole:

  • 500g fragole
  • 40g zucchero semolato
  • 20g succo di limone

Per la farcitura:

  • 30g mandorle a lamelle

*a temperatura ambiente

Per la frolla: in un food processor tritare finemente le nocciole (le preferisco rispetto alle mandorle).
Nella ciotola della planetaria (o in una ciotola normale, se lo fate con le fruste elettriche), munita di frusta, inserire il burro MORBIDO, lo zucchero, il sale e tutti gli aromi (cannella, chiodi di garofano, vaniglia e limone), amalgamando bene senza montare. Aggiungere le uova, un po’ alla volta, di modo da farle assorbire bene nel composto. In ultimo aggiungere nocciole tritate, farina e lievito, mescolando brevemente di modo da ottenere un composto omogeneo, molto morbido.
Avvolgerlo nella pellicola e spostare in frigorifero per almeno 4h, ma si può fare anche con largo anticipo e mantenere al freddo fino a 48h.

Per la confettura di fragole: lavare e tagliare le fragole a pezzettini uniformi, quindi metterle in un pentolino insieme a zucchero e limone. Cuocere su fiamma dolcissima, mescolando di tanto in tanto, finché non le fragole non avranno rilasciato il loro liquido e sobbolliranno. Far ridurre il liquido per qualche minuto, tenendo conto che questa confettura poi sarà cotta in forno quindi non deve venire eccessivamente soda.
Spostare dal fuoco e far raffreddare completamente.

Riprendere la frolla dal frigorifero e stenderne col mattarello 2/3 su un foglio di carta forno, infarinato, ad uno spessore di 7mm. Ricoprire il fondo dello stampo, meglio se con fondo amovibile (io utilizzo un anello microforato per crostate), con la frolla. Bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta. Con la frolla restante ricavare un rotolino piuttosto spesso per creare tutto il bordo della crostata.
Riempire il fondo con la confettura (la dose è abbondante, non va utilizzata tutta), quindi ricavare dei rotolino sottili da intrecciare come decoro (io ne ho fatti 6, intrecciandoli a griglia). Disporre le lamelle di mandorle su tutto il bordo.
Spostare in frigorifero per 1h, prima di cuocere.
Infornare in forno statico preriscaldato a 175°C per 35′ circa.
Sfornare, attendere 30′ quindi sformare (rimuovere l’anello microforato, se lo usate).
Far raffreddare completamente prima di affettare e servire.

ENJOY!

STRAWBERRY LINZER TORTE

A typical Austrian recipe, also widespread in Trentino-Alto Adige.

INGREDIENTS (for a 20-22cm springform pan)

For the shortcrust pastry:

  • 220g pastry flour
  • 200g hazelnuts (or almonds), unpeeled
  • 200g butter, room temperature
  • 180g caster sugar
  • 2 eggs, small, room temperature
  • 1 teaspoon cinnamon powder
  • 1/2 teaspoon cloves powder
  • 1/2 vanilla bean seeds
  • 1 lemon zest, organic
  • 5g baking powder
  • 1g salt

For the strawberry jam:

  • 500g strawberries
  • 40g caster sugar
  • 20g lemon juice

For the decoration:

  • 20g almond slices

For the shortcrust pastry: finely chop the hazelnuts in a food processor.
In a stand mixer bowl (or in a normal bowl, if you do it with electric whisk), equipped with the whisk, insert the butter (soft), sugar, salt and all the aromas (cinnamon, cloves, vanilla and lemon), mixing well without whipping. Add the eggs, a little at a time, so as to make them absorb well in the mixture. Finally add chopped hazelnuts, flour and baking powder, mixing briefly so as to obtain a homogeneous, very soft compound.
Wrap it in plastic wrap and move in the refrigerator for at least 4h, but it can also be done well in advance and keep cold up to 48h.

For the strawberry jam: wash and cut the strawberries into uniform pieces, then put them in a saucepan together with lemon and sugar. Cook over a very gentle flame, stirring occasionally, until the strawberries have released their liquid and simmer. Let the liquid reduce for a few minutes, taking into account that this jam will then be cooked in the oven so it must not be excessively firm.
Move away from the heat and allow to cool completely.

Take the shortcrust pastry from the refrigerator and roll out 2/3 of it with a rolling pin on a sheet of parchment paper, floured, to a thickness of 7mm. Cover the bottom of the mold, preferably a springform pan (I use a micro-perforated ring for tarts), with the shortcrust pastry. Prick the bottom with the prongs of a fork. With the remaining pastry, make a rather thick roll to create the whole edge of the tart.
Fill the bottom with the jam (the dose is abundant, it should not be used entirely), then obtain thin rolls as a decoration (I made 6 of them, weaving them in a grid). Arrange the almond slices on the whole edge.
Move in the refrigerator for 1h, before cooking.
Bake in the preheated static oven at 175°C for about 35′.
Remove from the oven, wait 30′ then unmold (remove the micro-perforated ring, if you use it).
Allow to cool completely before slicing and serving.

ENJOY!

A presto, Federica

6 risposte a "Linzer Torte di aprile alla fragola"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...